ARCHEONAUTI – Archeologia in poltrona

ARCHEONAUTI - Archeologia in poltronaSe Giasone e gli argonauti partirono con una nave alla conquista del vello d’oro, oggi noi assaporiamo i perigliosi viaggi, le avventure e le epiche gesta per mano di abili scrittori, che invece del nostro corpo, fanno viaggiare la nostra mente mentre siamo comodamente seduti in poltrona, avvolti nelle nostre coperte e muniti di profumate tazze di tè. Viaggiare con la mente ci permette di scoprire luoghi lontani, posti che abbiamo sognato di visitare ed accompagnare personaggi incredibili nella loro lotta per la salvaguardia delle ricchezze prodotte dall’uomo in epoche e tempi diversi.

In concomitanza con la XXV Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico, la Biblioteca Civica di Rovereto con la collaborazione di Ginevra G. Gottardi, ha realizzato un’esposizione di narrativa archeologica.

Scopo dell’evento era quello di avvicinare la letteratura al cinema e quindi di mettere a confronto il documentario realistico con il romanzo che vede come protagonisti archeologi, paleontologi e avventurieri pronti a proteggere con le loro sole forze il patrimonio storico dell’umanità. I libri scelti non sono solo romanzi di fantasia. Infatti gli scrittori hanno studiato approfonditamente i dati archeologici prima di scriverli, prendendosi tuttavia qualche piccola licenza poetica e aggiungendo un pizzico di fantasia al momento opportuno per rendere intrigante la storia.

Il viaggio nella narrativa archeologica e nella fiction del genere è lungo e ricco di sfaccettature ma soprattutto è senza tempo e senza età, infatti la mostra offre una vasta scelta che parte dalla narrativa per bambini fino ad arrivare a quella per adulti. Questa narrativa è spesso legata al genere thriller o a quello del paranormale per dare quel brivido e quell’incognita che le rovine del passato creano. Una narrativa che ha fatto sognare generazioni e che continuerà a farne sognare, poiché il fascino dell’archeologia sta proprio nella scoperta di popoli tanto simili quanto diversi da noi.

Nella galleria che segue potete vedere per intero l’esposizione. L’elenco dei titoli con le relative trame sarà trattato prossimamente in un articolo per la rivista “Il Furore dei libri” dell’omonima Associazione Culturale roveretana.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tutte le foto sono a cura di Ginevra G. Gottardi

Annunci

25a Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico

ROVERETOBrossure – Al via anche quest’anno la Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico che, con questa edizione, compie 25 anni! In questi anni di attività Dario Di Blasi, curatore della Rassegna, è riuscito a creare un evento sempre più di importanza internazionale, ricco di incontri e film di qualità.

Sono ormai 15 anni che ho il piacere di andarci, da quando il professore di storia al liceo ci portò a vederne alcuni filmati, da allora la Rassegna è diventato un appuntamento fisso nella mia agenda e da due anni mi impegna anche come traduttrice volontaria.

L’inaugurazione è avvenuta martedì 7 alle 15.00 nell’Auditorium “F. Melotti” con l’intervento e il saluto iniziale di Dario Di Blasi. La sala, in un primo momento vuota, si è man mano riempita di persone, sia appassionati e affezionati della Rassegna che curiosi e giovani.

Quest’anno la Rassegna si rinnova creando dei forti legami con il MART di Rovereto e il MUSE di Trento. Questi musei ospiteranno e proietteranno, durante la mattinata, alcuni film a tema “Arte e Archeologia” e “Scienza e Archeologia” (quest’ultimo percorso è proiettato anche nella sala “F. Zeni” del Museo Civico di Rovereto). Al cittadino l’arduo compito di scegliere dove andare per vedere il filmato che più lo interessa.

In concorso sono molti i film che attendono di essere valutati dalla popolazione per aggiudicarsi il premio “Città di Rovereto – Archeologia Viva”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Qui potete trovare il depliant della Rassegna e il libretto con la descrizione completa di ogni film.

Ricordiamo che tutti i film sono conservati nell’archivio del Museo Civico di Rovereto e che è possibile visionarli su richiesta.

Non ci resta che augurarvi una buona visione e fare un caloroso augurio di Buon Compleanno alla Rassegna per i suoi 25 anni!!!

torta-di-compleanno-alle-fragole

 

10710949_870491509642431_2058843435822976927_n

APRENDO-APPRENDO: Lapbook “LE FONTI”

In collaborazione con LIM – Laboratorio Interattivo Manuale stiamo realizzando una linea di Lapbook dal nome “Aprendo-Apprendo”.

Ma cosa sono i LAPBOOK???

I Lapbook non sono  altro che mappe concettuali costruite in tre dimensioni.

Il bello di questi strumenti è che sviluppano molteplici competenze, i bambini sono invitati a scrivere, disegnare, pianificare…. a costruire e sintetizzare una mappa concettuale di un dato argomento che li aiuterà poi nello studio.

Per tutte le informazioni inerenti i Lapbook rimandiamo a questi due articoli:

Buone Pratiche… i Lapbook!!!

Ti presento un Lapbook!

 

I Lapbook possono affrontare i temi più svariati. La collaborazione tra LIM-Laboratorio Interattivo Manuale e Archeoplanet ha portato allo sviluppo di Lapbook ad argomento storico. Oggi vi proponiamo quello sulle FONTI STORICHE!

Aprendo – Apprendo: Lapbook “LE FONTI”

bottone-lapbook-fonti2

Segui le istruzioni passo passo con i videotutorial per realizzare il lapbook in tutte le sue parti!

I template (carta modelli) sono presenti secondo questi formati:

SCHEDA TECNICA CON I TESTI

SCHEDA TECNICA SENZA TESTI

ANTEPRIMA LEZIONE PER LA LIM

FILE PER LA LEZIONE INTERATTIVA PER LAVAGNA LIM*

*ATTENZIONE!!! Laboratorio Interattivo Manuale usa il programma ActivInspire della piattaforma Promethean Planet. Altre INFO.

 

Una volta svolti gli allegati 2 e 3, potrete far vedere ai bambini tante immagini e chiedere loro di quale tipo di fonte si tratta, utilizzando la bacheca dedicata creata su Pinterest!!!

OFFERTA DIDATTICA 2014-2015

L’anno scolastico è iniziato e perchè non iniziare anche un’avventura archeologica???a

Online troverete l’Offerta Didattica della Archeoplanet per l’anno 2014-2015 per la Scuola Primaria e Secondaria di I e II Grado.

Le novità di quest’anno per la Scuola Primaria sono:

– Il percorso “Una giornata nel passato“, un’avvincente giornata a tema di 4 ore.

– Il percorso “Perchè ricordare è importante: sulla via della Giornata della Memoria“, un percorso in tre lezioni da un’ora per comprendere e capire cosa è avvenuto e perchè è scoppiata la Seconda Guerra Mondiale (percorso consigliato per classi quarte e quinte).

– Il percorso “Ti racconto la mia terra: il Trentino – Alto Adige” per conoscere le origini del territorio in cui viviamo.

 

Scarica la versione completa dell’offerta didattica 2014-2015

offerta didattica anno scolastico 2014-2015 ARCHEOPLANET

 

ArcheoFOSS 2014 – IX Workshop Free/Libre and Open Source Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica

Dal 19 al 20 giugno si è svolto a Verona presso il Polo Zanotto dell’Università, il IX Workshop di ArcheoFOSS, una tavola rotonda di due giorni, per parlare di Free/Libre and Open Source Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica.locandina_Archeofoss20141

L’evento è stato realizzato dal Dipartimento Tempo, Spazio, Immagine e Società (TESIS) e il Dipartimento di Informatica dell’Università di Verona e ha visto l’intervento di numerosi specialisti del settore.

Le conferenze sono state affiancate anche da vari laboratori informatici per sperimentare e conoscere programmi Free e Open Source utili al mestiere dell’archeologo, dai più comuni sistemi GIS e Database, a programmi di disegno 3D per la ricostruzione di oggetti e monumenti.

Visto che si è trattato del mio primo approccio a questo mondo tecnologico, finora sconosciuto, ho trovato questo incontro molto stimolante e ricco di novità.

Mi ha impressionato positivamente questa idea di mettere a disposizione i dati acquisiti in campagne di scavo e di studio di materiali non solo per gli specialisti del settore, ma soprattutto per un pubblico più vasto composto da appasionati e comuni cittadini che trovano finalmente in rete informazioni relative agli scavi, ai restauri, etc.,  che hanno visto effettuare sul loro territorio.

Ovviamente al momento le risorse che si trovano a disposizione sono ancora poche, ma è evidente come ci sia un costante aumento di interesse per questo tipo di divulgazione.

 

Qui la brochure con l’elenco degli interventi e dei laboratori.

 

Busa d’Adamo (Lavini di Marco – Rovereto)

Il sito archeologico “Busa d’Adamo”, situato al limitare dei Lavini di Marco presso la città di Rovereto (TN) e databile al primo Neolitico trentino (più precisamente nel contesto della Cultura del Gaban tipica della regione), è completamente abbandonato a se stesso.

Nonostante la situazione di degrado sia stata denunciata già nel 2010 dall’appassionato di archeologia Francesco Ingrosso, non vi è stato nessun provvedimento affinchè la grotta tornasse al suo splendore. Oggi, con il mio articolo uscito il 12 ottobre 2013 sul Trentino, denuncio nuovamente lo stato di incuria dell’area nella speranza che le Istituzioni, che hanno curato il percorso naturalistico-storico nel quale il sito si colloca, agiscano al fine di rendere nuovamente agibile il sito archeologico scavato e scoperto nel 1881 dal noto archeologo roveretano Paolo Orsi.

 

Qui potete trovare l’articolo pubblicato sul Trentino nel 2010
http://trentinocorrierealpi.gelocal.it/cronaca/2010/10/03/news/busa-d-adamo-incuria-e-oblio-1.3829819

 

Qui potete leggere il mio articolo del 12 ottobre 2013

http://trentinocorrierealpi.gelocal.it/cronaca/2013/10/12/news/busa-d-adamo-patrimonio-archeologico-da-valorizzare-1.7914478

 

Vista dell'esterno dall'interno della grotta

Vista dell’esterno dall’interno della grotta

Ecco la radura e il bosco che irrimediabilmente impedisce di raggiungere la grotta.

Ecco la radura dalla quale si dovrebbe poter accedere alla grotta.

La segnaletica che conduce al sito è ben visibile, salvo poi non segnalare l'esatta entrata della grotta.

La segnaletica che conduce al sito è ben visibile. Tuttavia l’assenza di cartelli nella radura impedisce al visitatore di ritrovare il sito.

OFFERTA DIDATTICA 2013-2014

Da oggi è online l’offerta didattica per l’anno scolastico 2013-2014 per la Scuola Primaria e Secondaria di I e II grado!!!

Troverete i vari percorsi e laboratori nel menù a tendina “Archeologia didattica”!!!

Le NOVITÀ 2013-2014 sono:

– il Percorso “Ti racconto la mia Terra: il Trentino-Alto Adige” per la Scuola Primaria;

– il Percorso “Ti racconto la Storia” rivolto sia alla Scuola Primaria che alla Scuola Secondaria di I grado;

– il Laboratorio “Gli Ideogrammi Cinesi” all’interno del Percorso “La Storia della Scrittura” per la Scuola Primaria.

COMING SOON !!!

A breve sarà online l’offerta didattica per l’anno 2013-2014  per la Scuola Primaria e Secondaria di I e II grado.